L’azienda palermitana mette a disposizione 81 posti per la qualifica d’infermiere, 10 posti per operatori socio sanitario e 6 posti di autista di ambulanza, per un totale di 97 posti. L’Asp Trapani, invece, cerca dirigenti 33 medici: 8 di medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza, 3 di medicina interna, 12 di neonatologia, 2 di pediatria, 8 di ortopedia e traumatologia.
I bandi prevedono gli stessi requisiti. In entrambi i concorsi occorre essere dipendenti a tempo indeterminato di aziende ed enti pubblici del Servizio sanitario nazionale nel profilo professionale a concorso e, nel caso dei profili dirigenziali, l’essere specializzati nella disciplina la cui competenza è richiesta. È necessario aver superato il periodo di prova e avere la piena idoneità fisica al posto da ricoprire senza alcuna limitazione o prescrizione; non avere subito nel biennio antecedente alla data di pubblicazione dei bandi sanzioni disciplinari definitive superiori al rimprovero scritto. Il candidato non deve aver subito condanne penali o avere procedimenti penali pendenti che siano ostativi all’instaurazione e al proseguimento del rapporto di pubblico impiego pubblico. Nel caso dei dirigenti, essi non devono avere subito una valutazione negativa rispetto alla loro attività. Inoltre, nel bando palermitano è richiesto che i candidati siano iscritti ai rispettivi albi dell’ordine di appartenenza ove esistenti e che siano in possesso del nulla osta preventivo al trasferimento dell’ente di provenienza.

La commissione di Palermo compirà una valutazione diversa a seconda della categoria dei lavoratori che per gli infermieri è la D mentre per gli operatori socio sanitari e per gli autisti d’ambulanza è la categoria BS. Per il personale appartenente alla categoria D, il punteggio totale sarà di 35, 30 per i titoli, 10 per titoli in carriera, 10 per i titoli accademici, 5 per le pubblicazioni e i titoli scientifici, 5 per il curriculum formativo) e 5 per il colloquio. Per gli operatori socio sanitari e gli autisti d’ambulanza, i 45 punti a disposizione saranno ripartiti 40 per i titoli (i titoli di carriera saranno valutati 15, i titoli di studio 12, le pubblicazioni e i titoli scientifici 5 e il curriculum professionale 8) e 5 per il colloquio. La commissione di Trapani invece attribuirà ai candidati 40 punti: 10 per il titoli (5 per il curriculum e 5 per la valutazione delle ragioni dell’avvicinamento) e 30 per il colloquio. Nella redazione delle graduatorie avranno preferenza i lavoratori che esprimano la volontà di effettuare la mobilità a livello regionale.

Il concorso per le stabilizzazioni

Per ciò che riguarda il concorso di stabilizzazione è richiesta la cittadinanza italiana o altra cittadinanza che consenta l’accesso alla Pubblica Amministrazione, l’idoneità fisica alle specifiche mansioni da svolgere e il non essere stato escluso dall’elettorato attivo, né l’essere stato destituito, dispensato o licenziato dalla Pa. Occorrerà inoltre avere un contratto a tempo determinato in qualsiasi azienda o ente sanitario per le qualifiche bandite; nonché avere maturato, alla data del 31 dicembre 2017, in otto anni, una anzianità di servizio anche non continuativa di almeno tre anni.

Nell’ordine di assunzione sarà data priorità al personale in servizio presso l’Asp alla data del 22 giugno 2017, tra costoro a coloro che hanno una maggiore anzianità e tra coloro con pari anzianità avranno precedenza coloro che hanno più figli o figli più giovani.

Condividi