Concorso per Istruttori amministrativi: 100 posti al Comune di Torino per diplomati

Per partecipare al concorso pubblico indetto dal Comune di Torino per l’assunzione a tempo pieno di 100 Istruttori Amministrativi – Cat. C1 è sufficiente essere in possesso del diploma di istruzione secondaria superiore di durata quinquennale.

Le domande  dovranno essere presentate attraverso la procedura guidata on line entro le ore 13,00 del 28 Ottobre 2019.

Per essere ammessi  al concorso del Comune di Torino i candidati, oltre al diploma, devono essere in possesso dei requisiti indicati:

  •  cittadinanza italiana o di uno dei paesi appartenenti all’Unione Europea o di altre categorie previste dal bando;
  •  età non inferiore ad anni 18 e non superiore a quella prevista dalle norme vigenti per il collocamento a riposo;
  •  non essere stati destituiti o dispensati o licenziati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione e di non essere stati espulsi dalle Forze Armate o dai Corpi militarmente organizzati;
  • per i candidati di sesso maschile nati entro il 31.12.1985, essere in posizione regolare nei confronti degli obblighi di leva;
  • non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo o non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, oppure non essere stati dichiarati decaduti da un impiego statale.

Il concorso, oltre ad una possibile pre-seleziome, prevede la valutazione dei titoli ed il superamento di due prove d’esame, una scritta ed una orale, su:

  • nozioni sull’ordinamento istituzionale, finanziario e contabile degli Enti Locali;
  • elementi sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze della Pubblica Amministrazione, con particolare riferimento ai diritti e doveri e alle responsabilità dei pubblici dipendenti;
  • elementi di Diritto Amministrativo, con particolare riferimento agli atti amministrativi ed alla Legge 241/1990 s.m.i.;
  • elementi in materia di documentazione amministrativa;
  • elementi in materia di Codice degli Appalti;
  • cenni sui principi normativi in materia di Trasparenza, Anticorruzione e Privacy;
  • accertamento della conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse e della lingua inglese.

BANDO

Condividi