Newsletter

08 Agosto 2019
Newsletter #018
Leggi tutte le E-news
SCRIVIMI
La mia convinzione è quella per cui un gesto valga più di mille parole. Sono proprio piccoli gesti di ogni giorno, ritengo, a cambiare le cose e a trasformare le parole in fatti. Ho deciso di donare a tutti i comuni della provincia di Agrigento, dei simpatici contenitori di plastica a forma di pesce, iniziativa che parte proprio all’indomani della spettacolare kermesse di moda voluta da Dolce e Gabbana, che ha interessato Sciacca, Palma di Montechiaro e Agrigento.
In attesa che l’Aula calendarizzi la nostra proposta di legge “Sicilia plasticfree” non potevo stare con le mani in mano e ho quindi deciso di DONARE ad alcune spiagge  queste simpatiche sculture a forma di “PESCE MANGIAPLASTICA” che si coloreranno di tutti i rifiuti in plastica che i bagnanti, invece di abbandonare selvaggiamente sulla battigia, getteranno al loro interno. Questa iniziativa non sarebbe potuta partire senza il contributo dei gestori delle spiagge che hanno fatto richiesta di questi originali e simbolici contenitori, degli artigiani che li hanno realizzati e può funzionare, in termini di praticità e sensibilizzazione, solo con il contributo di tutti i cittadini, perché si comprenda l’importanza di apprezzare la bellezza di una #SiciliaPlasticFree. Il primo pesce sarà collocato a San Leone, nel capoluogo. Poi passeremo a Siculiana, Realmonte, Palma, Licata, Menfi e Sciacca”. L’iniziativa è destinata ad essere seguita, ci giungono già notizie di altre province che vogliono provare a realizzare qualcosa di simile. Ben vengano, ognuno di noi può fare un gesto a favore dell’ambiente, facendo magari da modello e sprone a chi ha meno idee ma voglia di mettersi in gioco e soprattutto di difendere il nostro pianeta. L’iniziativa ha avuto un successo quasi inaspettato
QUI alcuni link —> LINK1 – LINK2 – LINK3 – LINK4 – LINK5 – LINK6
In questa E-News vi evidenzio: 1. Bandi e Opportunità di lavoro
2. Proposta di legge #SiciliaPartecipa
3. Aggiornamenti sul Ponte Cansalamone di Sciacca
4. Sopralluoghi e aggiornamenti sulla Palermo-Agrigento
5. Adesso spingere per l’istituzione del Parco dei Monti Sicani
6. Interrogazione SP 44
7. Biodigestore Sciacca: Gli attacchi di Moncada nei confronti
8. Zone Franche Montane? Opportunità di sviluppo


1. Bandi e Opportunità di lavoroScorrendo le “opportunità”, magari troverete qualcosa che fa proprio al caso vostro. Concorsi nelle pubbliche amministrazioni , istanze e progetti possono essere un ausilio per accedere a contributi e fondi destinati ai giovani, agli agricoltori, alle donne e alle associazioni. Come sempre sono disponibile per maggiori informazioni. Basta scrivere a segreteriamichelecatanzaro@gmail.com o compilare l’apposito modulo CONTATTI.


2. Proposta di legge #SiciliaPartecipa

Vi è mai successo di voler esprime il vostro dissenso o la vostra semplice opinione su un’opera che può avere un impatto in termini sociali, ambientali, economici nel vostro territorio ma non ne avete avuto la possibilità?

Oggi lo strumento esiste ed è il dibattito pubblico.

Abbiamo presentato la proposta di legge “#SICILIAPARTECIPA” che ha l’obiettivo l’introduzione di innovativi strumenti di partecipazione dal basso e di democrazia attiva dei cittadini rendendoli più consapevoli e dunque protagonisti di scelta e percorsi attraverso cui determinare occasioni di crescita economica e di progresso sociale.

I cittadini hanno diritto di essere informati e possono (e devono) partecipare alle decisioni che interessano loro e il territorio in cui vivono.

La #Politica non deve avere paura del confronto con la cittadinanza ma, al contrario, incrementarlo e preservarlo.

Per saperne di più —> SICILIA PARTECIPA

3. Aggiornamenti sul Ponte Cansalamone di Sciacca

A Sciacca, il ponte Cansalamone è chiuso da 7 anni, io a differenza di altri, sono deputato da qualche mese! Non voglio soffermarmi su errori che vengono dal passato, fin dall’inizio del mio mandato mi sono impegnato per il nostro territorio. L’assessore Marco Falcone, che ringrazio per la sensibilità e l’impegno, accende una speranza sulla riapertura al transito di un’arteria strategica per la comunità saccense. Sono fermamente convinto che l’impegno per il territorio si dimostri giornalmente, fattivamente e non con dichiarando sui social delle intenzioni e poi non essere consequenziali.

4. Sopralluoghi e aggiornamenti sulla Palermo-Agrigento

IO SONO un politico ‘da strada’ perché mi piace verificare concretamente quanto le decisioni del Palazzo influiscano sulla vita dei miei conterranei, perché mi piace constatare se gli impegni assunti si trasformano in #FATTI.

IO SONO un politico ‘da strada’ perché sulla strada statale 189 sono andato a controllare di persona lo stato di avanzamento dei cantieri e quanto gli impegni assunti dall’Anas SpA siano stati rispettati.

IO SONO un politico ‘da strada’ perché la statale #Palermo – #Agrigento l’ho percorsa palmo a palmo, fermandomi ad ogni cantiere, parlando con gli operai, verificando dettagliatamente ogni aspetto dei lavori.

Su un asse viario di strategica importanza, i cantieri DEVONO essere attivi GIORNO e NOTTE e invece i lavori stanno andando avanti troppo lentamente ed esclusivamente grazie alle imprese che hanno deciso di continuare i lavori nonostante le incertezze dei pagamenti da parte dei committenti.

Gratitudine immensa va quindi agli operai che nonostante l’instabilità lavorativa (che li costringe a settimane di lavoro alternate ad altre di riposo), continuano ad assumersi responsabilità e a far fronte agli impegni.

Non servono commenti alla grande dignità delle parole di Carmelo: “Tutti abbiamo bisogno di lavorare, accettare turni alternati significa non lasciare nessuno a casa”.

La Sicilia non può permettersi un altro cantiere lasciato a metà.

Mi impegno a vigilare affinché la “Palermo-Agrigento”, da simbolo di una Sicilia arretrata e sottosviluppata infrastrutturalmente, possa diventare manifesto del riscatto sociale di un’intera terra, finalmente più moderna e dunque più libera. Mi impegno per la dignità degli operai e delle loro famiglie. Per il loro diritto ad un futuro meno incerto

P.S.
Rimosso il semaforo di Vicari
Rimosso semaforo di Villafrati (percorso non richiede più deviazione all’interno del paese. Tempo di percorrenza ridotto).

5. Adesso spingere per l’istituzione del Parco dei Monti Sicani

Nonostante il Parco dei Monti Sicani sia una vera e propria risorsa dal punto di vista ambientale, agricolo, naturalistico, turistico ed economico la Regione non ha mai definito nessuna strategia finalizzata al riconoscimento giuridico al fine di rilanciare le grandi potenzialità del nostro territorio.

L’assessore Cordaro si assuma in prima persona questo impegno per superare una fase di stallo che dura ormai da troppo tempo.

Ci sono imprese del circuito turistico, della ristorazione e dell’enogastronomico che chiedono a gran voce un intervento in questa direzione, non possiamo permetterci di gettare al vento questa occasione.

il Parco dei Monti Sicani si colloca al 3° posto fra i parchi naturali siciliani di più vaste dimensioni; i comuni interessati sono 12: Bivona, Burgio, Lucca Sicula ,Cammarata, Castronovo di Sicilia, Chiusa Sclafani, Contessa Entellina, Giuliana, Palazzo Adriano, Prizzi, San Giovanni Gemini, Santo Stefano di Quisquinia, Sambuca di Sicilia
6. Interrogazione SP 44 

L’ARS  in vacanza? Io NO!

Conosco la solitudine nella quale spesso lavorano i sindaci…

conosco l’indifferenza con cui, troppo spesso, le tante emergenze, di cui i sindaci si fanno carico vengono considerate…

e però conosco anche la loro determinazione ad andare avanti, con sempre maggiore forza, nonostante le difficoltà e le porte sbattute in faccia..ma io non sono come gli altri, io non mi volto dall’altra parte…per me, dietro un sindaco che fa le sue battaglie, c’è una comunità che rivendica diritti e merita il mio rispetto ed il mio impegno..

per questo motivo ho voluto onorare il coraggio del Sindaco del Santa Margherita di Belìce – Città del Gattopardo, Franco Valenti, dando seguito alla sua denuncia sulle condizioni di evidente pericolo della SP44 che collega i paesi del belicino con la “Fondovalle”, presentando immediatamente un’interrogazione al governo chiedendo risposte chiare e concrete.

I Sindaci non si lasciano soli, i sindaci si rispettano!!

7. Biodigestore Sciacca: Gli attacchi di Moncada nei confronti

SONO un parlamentare regionale ed esercito le mie facoltà in piena libertà e coscienza. Se all’imprenditore Moncada tutto questo non sta bene è esclusivamente un suo problema. Io ho un compito: difendere il mio territorio, libero da preconcetti o pregiudizi

SONO STATO ELETTO l’obiettivo di rappresentare il mio territorio, per esaltarne le potenzialità e per salvaguardarne la vocazione…
SONO STATO ELETTO per essere l’amplificatore istituzionale dei tanti bisogni e delle tante giuste istanze provenienti dalla mia città e dal mio territorio…
SONO STATO ELETTO per fare gli interessi di una terra che per troppo tempo ha contato poco o nulla nelle stanze dove si decidevano i destini delle comunità siciliane.

CHIEDERE e PRETENDERE CHIARIMENTI o approfondimenti, rispetto a vicende che possono avere un impatto sul mio territorio, è un mio PRECISO DOVERE;

lo svolgo attraverso gli strumenti che la legge mi assegna, la facoltà di presentare interrogazioni parlamentari.

Ad altri spetta il compito di dare risposte.
Se serve, stia pur certo l’imprenditore Moncada, che continuerò a presentare tutte le interrogazioni e ad assumere tutte le iniziative che riterrò opportune, per difendere il territorio di cui sono figlio.
Contestualmente, è preciso dovere dell’imprenditore Moncada fornire tutti i chiarimenti che le istituzioni, preposte a rilasciare le dovute autorizzazioni e concessioni, gli chiedono senza scomporsi e senza insultare i rappresentanti eletti dal popolo siciliano.

Leggete QUI il testo dell’interrogazione —> bit.ly/2GAFy4N

8. Zone Franche Montane? Opportunità di sviluppo


Come si può rilanciare l’economia delle aree interne della Sicilia e provare a scongiurare l’emorragia dei giovani?

Spingendo sull’approvazione della LEGGE SULLA MONTAGNA che istituisce le Zone Franche Montane (#ZFM), legge attualmente ferma in III Commissione.

Le ZFM prevedono misure specifiche, come ad esempio la fiscalità differenziata o incentivi all’insediamento di attività imprenditoriali promuovendo una politica di sviluppo che orienti le imprese a investire nei territori, utilizzando le risorse europee, nazionali e regionali.

Le ZFM Possono rappresentare un’occasione di rinascita, crescita e sviluppo di numerose comunità delle aree interne dell’isola che rischiano di rimanere sempre più emarginate.

Alla luce della sollecitazione da parte di numerosi amministratori locali, chiederò alla Commissione di discutere al più presto il testo.

Nella sola provincia agrigentina, potrebbero beneficiare di questa legge zone come Cianciana,  Bivona, Santo Stefano di Quisquina, Alessandria della Rocca, Cammarata, San Giovanni Gemini.

 

Twitter
Facebook
YouTube
Website
Email
Copyright © 2018 Kappaelle Comunicazione. Tutti i diritti riservati

segreteriamichelecatanzaro@gmail.com

Vuoi cambiare il modo di ricevere queste email?
Tu puoi aggiornare le tue preferenze o annullare l’iscrizione a questa lista.

 

Stampa
Condividi