Finalmente, per la prima volta, la Sicilia ha una Legge sulle politiche giovanili. Infatti, sono estremamente felice di comunicare a tutti gli amici che è stata la approvata da poco in aula

Sono orgoglioso di esserci riuscito. Un risultato che mi tocca profondamente e, che da solo, vale tutto il mio impegno. Per chi non lo sapesse, infatti, provengo dal mondo dell’associazionismo e della rappresentanza giovanile. Ho condiviso anni di battaglie con migliaia d

 

i giovani siciliani, mi sono fatto portavoce delle loro istanze e ho condiviso problemi e sconforto. Degli anni universitari parlo sempre con un velo di nostalgia. Sono stati anni pieni, in cui tanti abbiamo maturato un’idea di politica nuova: una politica attiva, del fare, del coraggio e delle scelte serie e decise; una politica schietta, onesta e appassionata di chi vuole risolvere le cose… e ce la fa.

Una volta eletto qui all’ARS, non volevo tradire la fiducia che mi era stata concessa, non potevo tradire le speranze di un (più giovane) Catanzaro, che portava avanti con tanti altri della sua generazione idee, progetti, speranze. Non potevo tradire il loro coraggio e i loro sentimenti di cambiamento. Quindi, il mio primo atto parlamentare non poteva che essere rivolto alle giovani generazioni. È questo che mi ha portato 13 mesi fa, marzo del 2018, a presentare una proposta di legge per dotare la Regione Siciliana di una legge sulle Politiche Giovanili e istituire il Forum e dell’Osservatorio dei Giovani. È arrivato il momento di dare una risposta concreta ad un’esigenza che avvertiamo sempre più forte, ossia dare voce e spazio ai giovani e sostenere la freschezza e la creatività delle loro idee.
La Sicilia ERA l’ultima regione Italiana a non avere una legge sulle politiche giovanili. AVEVAMO il dovere morale di mettere fine a questo ritardo. La prima Regione fu il Molise nel 1980. Sono passati 39 anni!  39!

Continuiamo a interessarci della Sicilia, lo dobbiamo ai nostri giovani, ai tanti che sono costretti ad andare via e a quelli che con coraggio restano.

 

1. Bandi e Opportunità di lavoro

Tante le tante opportunità che vi segnalo nella E-news numero 16, magari qualcosa che fa proprio per Voi. Come sempre sono disponibili per maggiori informazioni. Basta scrivere a segreteriamichelecatanzaro@gmail.com o compilare l’apposito modulo   CONTATTI .

 

CLICCA NEL BANNER DI TUO INTERESSE

 

 

1.Norme in materia di raccolta, coltivazione, commercio e tutela del consumo dei tartufi in Sicilia

La Sicilia non smette mai di sorprendere.
I tartufi siciliani sono l’ennesima eccellenza della nostra Regione che resta ancora poco conosciuta.

La proposta di legge, che abbiamo presentato mira alla raccolta, la coltivazione e la valorizzazione di questo piccolo tesoro del nostro territorio. Ho promesso all’on. Nello Dipasquale, che la mia commissione tratterà con urgenza questa proposta di legge, anche perché non prevede costi a carico del bilancio regionale. Il Presidente Gianfranco Miccichè ha assicurato il suo impegno per una tempestiva calendarizzazione in aula. Mi auguro che il Parlamento siciliano comprenda l’importanza dell’iniziativa legislativa, elaborata grazie alla collaborazione del Centro di Ricerca Tartufo SiciliaUniversità degli studi di Palermo – Facoltà di Agraria –Scuola Politecnica UNIPA.

 

 

2.AGRICOLTURA: RISOLUZIONE PROBLEMATICA SOTTOMISURA 6.1 PSR SICILIA

Vi ricordate la mia interrogazione (vedi qui –> bit.ly/2U8zWaR) finalizzata ad aumentare la dotazione finanziaria della sottomisura 6.1 del PSR Sicilia 2014-2020 rivolta ai giovani agricoltori per l’avvio di nuove imprese?

Ad inizio aprile, con decreto del DDG n. 489, è stata ufficialmente accolta la mia istanza di implementare con ulteriori 25 milioni la dotazione inizialmente prevista.

Saranno circa 600 in più i giovani siciliani che avranno la possibilità di creare lavoro nella nostra Sicilia.

3.DISSERVIZI AUTOLINEE GALLO COLLEGAMENTO PALERMO-SCIACCA

Collegamento Palermo-Sciacca Autolinee Gallo: i pendolari registrano ancora disservizi, mentre l’assessore Marco Falcone risponde che nessun disservizio è riscontrato. Ci aveva addirittura assicurato che la ditta Gallo s.r.l. pedissequamente rispettava gli obblighi e, quindi, gli standard previsti per il servizio  (LEGGI  https://bit.ly/2Tsz3Vf).

Torno nuovamente sull’argomento, già affrontato in precedenza tramite un’interrogazione parlamentare (LEGGI ▶️ https://bit.ly/2ULxlQq).

 

 

 

Se vi è piaciuta questa E-news, per restare sempre sulle tante altre opportunità e sulla mia attività vi consiglio di seguirmi su Facebook o su twitter. Clicca sulle icone per connettervi direttamente ai miei account ufficiali.

 

 

 

 

 

 

 

Se vi va seguitemi anche su instagram

 

Stampa
Condividi