Sono ferite gravi quelle riportate dalla Sicilia negli ultimi giorni a causa dell’ondata di maltempo. 

Il bilancio è di 13 vittime (ll corpo del dott. #GiuseppeLiotta, è stato ritrovato dopo 5 giorni di incessanti ricerche nei pressi di Corleone. Tutti noi speravamo in un epilogo diverso).

Le province di Palermo e Agrigento hanno pagato il conto più alto con le vite stroncate. Ma non sono mancati disastri ambientali e arterie viarie e ferroviarie interdette. 
 
Alla stretta di cordoglio e vicinanza verso le famiglie colpite dalle perdite, si unisce il rinnovato impegno e la determinazione per pronti interventi di recupero e messa in sicurezza.



 In questa E-News vi evidenzio: 

 

1. Bandi e Opportunità di lavoro
2. Emergenza maltempo: Aggiornamenti
3. Bando rischio idrogeologico

4. Interrogazione urgente sulla mancata erogazione di interventi finanziari in favore dei disabili gravi

5. UnabuonaRÆGIONE – UN’OCCASIONE PER IL TERRITORIO

1. Bandi e Opportunità di lavoro

Scorrendo le “opportunità”, magari troverete qualcosa che fa proprio al caso vostro. Concorsi nelle pubbliche amministrazioni , istanze e progetti possono essere un ausilio per accedere a contributi e fondi destinati ai giovani, agli agricoltori, alle donne e alle associazioni. Come sempre sono disponibile per maggiori informazioni. Basta scrivere a segreteriamichelecatanzaro@gmail.com o compilare l’apposito modulo  CONTATTI.
















2. Emergenza maltempo: Aggiornamenti

Nei giorni scorsi ho formalizzato una mozione che impegna il governo regionale a riconoscere lo stato di calamità naturale che prevede di:
– sospendere il pagamento dei canoni irrigui ed i termini per l’adempimento di oneri connessi all’adesione a misure comunitarie per le aziende agricole colpite dagli eventi calamitosi;
– assumere ogni provvedimento necessario al ripristino delle infrastrutture viarie, irrigue e di rete distrutte o danneggiate a causa del maltempo.
– porre in essere azioni concrete per interventi strutturali al fine di scongiurare.

Molti problemi alle attività commerciali ed agricole sono infatti dovuti all’impossibilità di percorrere strade e collegamenti viari. A seguito dell’ondata di maltempo alcuni territori sono stati doppiamente danneggiati perché stanno ancora facendo i conti con i danni dell’alluvione del 25 novembre 2016. Servono risposte concrete a sostegno del settore produttivo e per la salvaguardia del territorio e delle infrastrutture.
Voglio ringraziare tutti coloro che in queste catastrofiche emergenze operano con grande spirito di sacrificio garantendo la sicurezza delle persone e dei beni, oltre a contribuire al mantenimento dei servizi essenziali.

 

        3. Bando rischio idrogeologico

Finalmente diventa operativo il “Fondo prevenzione e gestione dei rischi geologici“, l’intervento legislativo che ho proposto durante la finanziaria e si è formalizzato con l’approvazione dell’articolo 40 della legge 8 del 2018.

Nelle ultime settimane ho voluto accertarmi che le somme disponibili, che spero vengano aumentate a partire dalla prossima sessione di bilancio, possano spendersi già per l’anno in corso. Molteplici sono stati gli incontri con il governo e gli uffici per trovare soluzioni sinergiche e puntuali. 
 
Con l’approvazione in giunta delle linee guida, infatti, si avvia un percorso virtuoso che, da una parte, permette agli enti locali di dotarsi di tecnici che finalmente possano coadiuvarle nella governance del territorio per scongiurare disastri e tragedie; e dall’altra, premia le amministrazioni virtuose che hanno assolto all’obbligo di dotarsi di un efficiente piano di protezione civile.

Finalmente la Sicilia si dota di uno strumento per la salvaguardia del territorio e la mitigazione dei rischi geologici in favore dei comuni dotati di Piano di Emergenza Comunale (P.E.C.) di Protezione Civile che assumeranno, anche con contratti a termine, idonee professionalità nel campo delle Scienze della Terra (geologi e ingegneri). Queste figure svolgeranno attività nell’ambito della prevenzione, pianificazione e gestione del rischio idrogeologico, idraulico e, più in generale, del rischio geologico.
 
È una battaglia che ho condotto con coerenza e convinzione e sono orgoglioso del risultato ottenuto. E’ un notevole passo avanti che finalmente permette di tracciare un percorso verso una politica che punta ad armonizzare le risorse pubbliche.

4. Interrogazione urgente sulla mancata erogazione di interventi finanziari in favore dei disabili gravi.

Tutelare ed intervenire a sostegno delle fasce di popolazione più deboli è un DOVERE inalienabile per ogni istituzione. 

Non è accettabile che i disabili gravi siciliani continuino ad essere vittime delle pastoie burocratiche del governo regionale che dopo aver destinato le risorse necessarie non emana le direttive che consentano ai Comuni l’erogazione delle somme.

Lontano dal rumore mediatico ma con la consapevolezza di voler stare dalla parte di chi soffre e delle famiglie abbiamo chiesto risposte urgenti al governo regionale circa le ragioni dell’attuale INUTILIZZO dei fondi (GIA’ DISPONIBILI) per i disabili gravi e, conseguentemente, che si proceda con estrema urgenza a rimuovere gli eventuali ostacoli.

Ho presentato un’interrogazione urgente per conoscere le ragioni dell’inutilizzo dei fondi.
I Comuni sono in difficoltà e non possono far fronte alla richiesta pur in presenza di una disponibilità economica destinata allo scopo, che però la Regione non eroga. Per questo ho chiesto con forza al governo regionale le ragioni dell’attuale inutilizzo dei fondi per i disabili gravi e, conseguentemente, che si proceda con estrema urgenza a rimuovere gli eventuali ostacoli. 
Ci sono materie su cui il dibattito politico è stimolante e proficuo, altre per le quali ogni attimo speso a dibattere è motivo di sofferenza per chi ha davvero bisogno.

5. UnabuonaRÆGIONE – UN’OCCASIONE PER IL TERRITORIO

Grazie, grazie, grazie.
Sabato 27 ottobre si è tenuto presso il Madison di Realmonte l’incontro da me promosso allo scopo di fare una sintesi dell’attività svolta durante il miei primi mesi di rappresentanza presso l’Assemblea Regionale Siciliana.  
Un incontro che è stato occasione per trarre un primo bilancio sull’attività parlamentare fin qui svolta, ma anche occasione di confronti, dibattiti e scambi di idee.

Un momento di politica concreta, un momento davvero entusiasmante e sono felice di averlo condiviso con tutte le persone che hanno creduto nel progetto e che io considero la mia comunità di appartenenza.
È questa la politica che mi piace, quella fatta in mezzo alla gente e per la gente; che affronta i problemi senza paura e cerca soluzioni concrete.
Credo che l’ascolto e il confronto costanti siano gli unici mezzi per fare Politica nei territori e intervenire presto e bene: lavorerò sempre su questa strada, creando occasioni di dibattito che, sono convinto, siano serie opportunità di scambio e crescita.
Alla fine di questo anno così intenso, ho voluto, per quanto possibile, fare un primo resoconto sul lavoro svolto per analizzare giorno per giorno il tempo trascorso al servizio del mio territorio. Credo sia un mio dovere farlo e, quindi, offro questo report, con gratitudine e riconoscenza, a tutti coloro che mi hanno sostenuto ed incoraggiato in questo lungo percorso segnato, talvolta, da momenti difficili.
 
Ho realizzato un opuscolo che rappresenta un rendiconto per dare la possibilità,  a chi segue dall’esterno le mie iniziative, di capire più da vicino come funziona il lavoro di un Deputato presso l’Assemblea Regionale Siciliana.

VISUALIZZA L’OPUSCOLO 

SCARICA L’OPUSCOLO

Continuo a girare per il territorio incontrare tanti amici della mia provincia e non solo, ascoltare problemi, proposte o suggerimenti, individuando possibili soluzioni.
Leggo volentieri i vostri commenti. Le vostre proposte e anche le vostre critiche. Naturalmente al solito indirizzo email segreteriamichelecatanzaro@gmail.com se volete potete inviarmi i vostri spunti, suggerimenti e idee possono come sempre essere inoltrati tramite l’apposito MODULO CONTATTI.

Se vi è piaciuta questa E-news, per restare sempre aggiornati sulle tante altre opportunità e sulla mia attività vi consiglio di seguirmi su Facebook o su twitter. Cliccate sulle icone per connettervi direttamente ai miei account ufficiali.

Condividi