Inimmaginabile percorrere 80km per la chiusura di un viadotto di 100 metri

La chiusura del viadotto lungo la SP 9 Ravanusa-Butera è, ancora una volta il sintomo di un malattia cronica della Sicilia che aggrava le condizioni del sistema produttivo del territorio regionale rischiando di portare al fallimento le imprese agro-alimentare del nostro Territorio. Ho presentato un’interrogazione urgente indirizzata al Presidente della regione e all’Assessore per le infrastrutture e la mobilità.

La chiusura del viadotto sulla SP9  è l’ennesimo evento che testimonia, ancora una volta, la precarietà del sistema viario siciliano ed i disagi e i pericoli che da questo possono scaturire. Raccolgo e rilancio il grido di allarme lanciato dal presidente della Coldiretti Ignazio Gibiino in rappresentanza di decine di imprenditori e famiglie che basano sul sistema produttivo agroalimentare le loro economie.

Auspico, in brevissimo tempo, un tavolo tecnico, tra Anas ed amministrazioni locali per poter intervenire al fine di limitare i disagi della popolazione. Non è pensabile che l’amministrazione regionale o la classe politica impegnino la loro agenda con tematiche lontane dalle vere necessità dei Siciliani.

Stampa
Condividi