FONDAMENTALE PASSARE DALLE PAROLE AI FATTI. PESCA: INCENTIVI PER I PESCATORI PER RACCOGLIERE I RIFIUTI A MARE

I pescatori possono svolgere anche in questo campo un prezioso lavoro, rimuovendo dal mare attrezzature di pesca disperse o dismesse (reti fantasma) e altri rifiuti presenti: Avevo annunciato degli incentivi per i pescatori per raccogliere i rifiuti in mare. Adesso la misura è stata pubblicata: la 1.40 A FEAMP sostiene finanziariamente questa importantissima opera.

Credo ancora nella Politica che “fa seguire i fatti alle parole”, continuo ad essere convinto che anche dai banchi della minoranza si possa lavorare a vantaggio della comunità. Nelle mie proposte cerco di ottimizzare il concetto di economia sostenibile, infatti, oltre a presentare il disegno di legge sulla riforma della pesca (Sicilia Pesca Mediterranea), come molti di voi sanno, ho presentato le proposte per limitare l’uso del materiale plastico che sta riscuotendo un notevole consenso”. QUI maggiori dettagli. Un disegno di legge che le associazioni di categoria attendono da oltre 20 anni, riconosciuto prioritario dalla Commissione Attività Produttive di cui ne sono vice presidente e che alla ripresa dei lavori, dopo la pausa estiva, sono sicuro andrà in aula per essere votato.

I rifiuti in mare danneggiano l’intero ecosistema marino, con conseguenze negative per la pesca e la conservazione del delicato equilibrio ambientale.

Il Dipartimento Pesca della Regione Siciliana ha lanciato il bando 2018 della misura 1.40 A , finanziato dalle risorse comunitarie del Fondo Europeo per le Attività Marittime e la Pesca ( FEAMP 2014/2020 ).

A gestire gli interventi saranno i Consorzi di Gestione della Pesca Artigianale ( Cogepa ) o, solo dove gli stessi non siano costituiti, le organizzazioni di pescatori riconosciute. In ogni caso dovrà essere implementato un partenariato con i Comuni per la gestione dei servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti marini.

Ad effettuare le operazioni di raccolta e conferimento saranno poi gli armatori delle navi da pesca iscritte nei registri dei compartimenti siciliani.

Saranno considerati ammissibili i costi per:

  • incentivi finanziari ai pescatori coinvolti
  • personale impegnato nelle operazioni
  • acquisto di attrezzature e strumenti (strumenti per la raccolta, lo stoccaggio ed il conferimento)
  • campagne di informazione e sensibilizzazione
  • azioni di formazione dei pescatori
  • studi preliminari, monitoraggio e progettazione
  • spese amministrative e generali (nel limite del 12%)

L’importo massimo di ciascuna proposta progettuale è stabilito in 120.000 euro.

Per accedere ai benefici della misura 1.40 A FEAMP i Cogepa (o le organizzazioni) dovranno inviare le istanze, corredate della prescritta documentazione, in formato cartaceo ai competenti uffici del Dipartimento Pesca della Regione Siciliana entro le ore 14.00 del 31 ottobre 2018

Il budget complessivo è pari a 1.800.000 euro

Per maggiori informazioni consultare il testo del bando della misura 1.40 A Rimozione dei rifiuti dall’ambiente marino

Stampa
Condividi