Amiche e amici, bentrovati.

Come già sapete, utilizzo la newsletter per fare il punto sulla mia attività da parlamentare e per condividere con voi quanto fatto.

In evidenza in questa terza Newsletter:
1. I primi risultati ottenuti;
2. I disegni di legge presentati;
3. Giovani e diritto allo studio;
4. La situazione delle Terme di Sciacca.
5. Le Opportunità.

1. Primi risultati ottenuti (Punto Nascite di Licata, Ospedale di Sciacca e FGM per diabetici)

Sono felice e orgoglioso per i primi risultati ottenuti, a testimonianza del fatto che l’azione di pungolo nei confronti del governo regionale paga. Mi riferisco:
– al primo (e speriamo non ultimo) potenziamento di personale dell’ospedale Giovanni Paolo II di Sciacca, per il quale mi sono battuto, presentando una precisa interrogazione al Governo Regionale, insieme alla comunità saccense e agli altri deputati eletti in quella zona della Sicilia.
– alla riattivazione del Punto Nascite dell’ospedale “San Giacomo d’Altopasso” – che, dopo due anni di chiusura, tornerà ad essere aperto e funzionante. Le donne incinte non dovranno più spostarsi, dunque, ad Agrigento o a Gela per partorire. Gli interventi strutturali – indispensabili vista la necessità di adeguare a norma e rifunzionalizzare gli ambienti – sono stati conclusi.
– al via libera arrivato dall’Assessorato alla Sanità per la fornitura a 3.000 bambini siciliani affetti da diabete di tipo 1 di device poco invasivi e all’avanguardia per il monitoraggio costante della glicemia (FMG) che miglioreranno le condizioni di vita e la salute di questi ragazzi (QUI la mia interrogazione rivolta al governo). Lotterò affinché possano riceverlo anche gli adulti. È un loro diritto!

Obiettivi raggiunti che mi spingono a lavorare sempre di più e sempre meglio per fare quello per cui sono stato eletto: migliorare la qualità della vita in provincia di Agrigento.

2. Le Opportunità più calde

Vi segnalo, come al solito, alcune opportunità lavorative nel settore pubblico e privato. Il ruolo del parlamentare regionale, a mio avviso, è a che questo. Portare a conoscenza di tutti e dare la possibilità a tutti di affermarsi nel lavoro.

Per restare sempre aggiornati sulle tante altre opportunità vi consiglio di seguirmi su Facebook o su twitter. Cliccate sulle icone per connettervi direttamente ai miei account ufficiali.

    

3. I Disegni di legge presentati

Ho sempre detto che la mia sarebbe stata un’opposizione costruttiva per il bene dei siciliani. Ed infatti non mancano proposte e idee in favore del bene comune (potete approfondire tutti i documenti inoltrati all’Amministrazione Regionale da QUI). Gli ultimi disegni di legge contribuito a redigere o che ho sposato in pieno hanno come oggetto le seguenti tematiche:

– Disposizioni per la prevenzione e la cura del morbo di Alzheimer ed altre forme di demenza ;
– Misure urgenti per la messa in sicurezza del territorio della Regione e per la prevenzione del rischio idrogeologico aumentato in conseguenza dei mutamenti climatici;
– Legge sulla Montagna. Istituzione Zone Franche Montane;
Vendita diretta dei prodotti agricoli;
Valorizzazione e tutela delle aree agricole e contenimento del consumo del suolo;
– Norme in sostegno dei giovani universitari fuori sede.

Scrivetemi, se volete, per avere delucidazioni e approfondimenti

4. Giovani e diritto allo studio


Consorzio Universitario di Agrigento: Il declino è evidente e ho chiesto agli assessori al ramo di fare la propria parte prima che sia troppo tardi, prima che una fonte di crescita culturale ed economica di tale importanza vada presa.
L’Università di Agrigento deve essere sinonimo di crescita culturale ed economica. Il suo attuale declino è preoccupante e per questo ho presentato un’interrogazione parlamentare (QUI) per chiedere l’intervento del Governo Regionale.
In passato, grazie all’attività portata avanti dal Consorzio universitario, il territorio agrigentino ha visto un rilancio in campo culturale ed economico. Negli ultimi anni, invece, è stata ridotta ai minimi termini l’offerta formativa e sono diminuite le iscrizioni e di conseguenza le risorse finanziarie, anche perché alcuni Comuni hanno deciso di farsi da parte ritenendo il finanziamento non più sostenibile data la scarsa attrattività accademica. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è, per me, stata la notizia che perfino il Corso di laurea in Beni Culturali e archeologici, fondamentale e strategico in una realtà dotata di un patrimonio archeologico e architettonico fra i più ricchi al mondo, verrà soppresso e spostato a Palermo. Da qui la mia decisione di interrogare il governo, chiamando in causa anche dal Rettore dell’ateneo di Palermo, per sapere se è intendimento dello stesso fermare il declino del CUPA di Agrigento, collaborare a una riorganizzazione e sostenere un rilancio economico e accademico. Sono vicino alla cittadinanza, alle amministrazioni comunali, i sindacati della Città dei Templi, i quali hanno espresso forti timori per i danni che la definitiva chiusura del Consorzio Universitario potrebbe causare.

5. La situazione delle Terme di Sciacca

In questo tempo all’ARS, ho continuato a denunciare quello che purtroppo non va nel mio amato territorio, nella speranza che le istituzioni regionali creino le condizioni per invertire la rotta. Ma a volte, purtroppo, ciò non accade. È il caso del rilancio delle Terme di Sciacca. Il Governo, nonostante i miei ripetuti solleciti, non apre bocca e non muove un dito. Le Terme sono una risorsa strategica per Sciacca e per la Sicilia tutta continua a non essere sfruttata per incrementare flussi turistici ed economici. Sarà il caso di passare alle proteste eclatanti?
Ricorderete, che il 31 gennaio scorso avevo presentato una precisa interrogazione al Governo (QUI per maggiori approfondimenti). Nonostante siano scaduti i termini entro cui rispondere all’interrogazione da me presentata, il governo Musumeci, pur trattandosi di una questione assai delicata, resta in silenzio. E cosa ancor più grave non muove un dito per il rilancio del complesso termale saccense. Ho già provveduto ad inviare una nota di sollecito. Ci diano una risposta! Così si svilisce il ruolo/dovere di controllori che la legge assegna ai parlamentari. E il diritto dei cittadini di sapere cosa succede nelle istituzioni.
Nel frattempo dico, alle altre forze politiche, che è giunto il momento di smetterla con le polemiche, come da e mostrare unità e determinazione verso l’obiettivo primario, che è quello di far riaprire le Terme di Sciacca. A me le polemiche non piacciono. Io voglio svolgere il compito assegnato ad un parlamentare, ossia quello di difendere il territorio in cui è stato eletto. Scusatemi se sto cercando di impedire che si blocchi nuovamente il percorso di riapertura del Terme. Sta di fatto che al momento non abbiamo ancora nulla di sicuro se non alcune promesse verbali, fatte, pure al sottoscritto, dal vice-presidente della Regione Armao. Quest’ultimo, dopo la mia sollecitazione, giorni fa mi ha annunciato che nel DDL stralcio ci sarebbe una norma sulle Terme. Ma sinceramente preferirei avere qualcosa di scritto e ufficiale in mano prima di tranquillizzarmi e cantare vittoria.

 

Per commentare, criticare, dare idee, cancellarsi o indicare nuovi indirizzi è sempre possibile utilizzare l’apposito MODULO contatti o scrivere a segreteriamichelecatanzaro@gmail.com.

Un affettuoso abbraccio
Michele Catanzaro

La salute dei cittadini e il sistema sanitario sono per me il fulcro della mia attività da parlamentare. La salute è un diritto inalienabile.
Basta con le polemiche, pensiamo alle Terme e al nostro territorio
Condividi