I più deboli vanno protetti. Via accreditamento per le asili e case di cura prive di videosorveglianza

Bambini, anziani e disabili sono le categorie sociali più deboli e per questo a loro va prestata particolare cura e attenzione. Ho presentato una proposta di legge sull’obbligatorietà di impianti di videosorveglianza in asili e case di cura. Ritengo che si tratta di argomenti che richiedono una particolare sensibilità e dei quali dobbiamo farci carico per apprestare una seria tutela a soggetti che, se non altro, sono particolarmente vulnerabili. La proposta di legge che ho presentato, prevede  l’obbligatorietà dell’installazione di telecamere di videosorveglianza all’interno di asili e case di cura, pena il mancato accreditamento delle strutture presso il sistema regionale. Si tratta di una misura si forte ma necessaria: il numero di episodi di violenza che si consumano all’interno di questi istituti – che al contrario dovrebbero essere luoghi protetti e sicuri – è purtroppo allarmante. Per questo si deve intervenire immediatamente e senza mezze misure, per tutelare e proteggere i nostri bambini, i disabili e gli anziani.

Mi farebbe piacere ricevere un vostro giudizio, un suggerimento o un vostro parere. Potete usare questo il canale ufficiale E-Democracy dell’ARS

Stampa
Condividi